Scala macrosismica Mercalli-Cancani-Sieberg 1930 (MCS)

tradotta da: Sieberg, A (1930). Scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg). Geologie der Erdbeben, Handbuch der Geophysik, 2, 552–555

I Grado - Impercettibile

Rilevato soltanto dai sismografi.

II Grado - Molto leggero

Sentito soltanto da persone estremamente sensibili o nervose, in perfetta quiete e quasi sempre nei piani superiori dei caseggiati.

III Grado - Leggero

Anche in zone densamente abitate viene percepito come terremoto soltanto da una piccola parte degli abitanti nell’interno delle case, come nel caso del passaggio di un pesante mezzo. Da alcuni viene riconosciuto come terremoto soltanto dopo averne parlato con altri.

IV Grado - Moderato

All’aperto è percepito da pochi. Nelle case è notato da numerose persone ma non da tutti, a seguito del tremolio o di oscillazioni leggere di mobili. Cristalleria e vasellame, posti a breve distanza, urtano come al passaggio di un pesante autocarro su strada dissestata. Finestre tintinnano; porte, travi e assi in legno scricchiolano, cricchiano i soffitti. In recipienti aperti, i liquidi vengono leggermente mossi. Si ha la sensazione che in casa si sia rovesciato un oggetto pesante; si oscilli con tutta la sedia o il letto come su una barca. In generale questi movimenti non provocano paura a meno che le persone non siano innervosite o spaventate a causa di terremoti precedenti. In rari casi i dormienti si svegliano.

V Grado - Abbastanza forte

Nel pieno delle attività giornaliere, il sisma viene percepito da numerose persone nelle strade e se sensibili anche in campo aperto. In casa si avverte in seguito allo scuotere dell’intero edificio. Piante e piccoli rami di cespugli ed alberi si muovono con evidenza, come se ci fosse un vento moderato. Oggetti pendenti come lampade, tendaggi, lampadari non troppo pesanti entrano in oscillazione, campanelle suonano. Gli orologi a pendolo si fermano od oscillano con maggior periodo, a seconda della direzione della scossa se perpendicolare o normale al moto di oscillazione. A volte orologi a pendolo fermi riprendono il movimento. La luce elettrica guizza o viene a mancare in seguito a movimenti della linea. I quadri urtano, battono contro le pareti oppure si spostano; da recipienti colmi e aperti vengono versate piccole quantità di liquido; ninnoli ed oggetti del genere possono cadere come pure gli oggetti addossati alle pareti; arredi leggeri possono essere spostati di poco; mobili rintronano; porte ed imposte sbattono; vetri delle finestre si infrangono. Quasi tutti i dormienti si svegliano. Sporadici gruppi di persone fuggono all’aperto.

VI Grado - Forte

Il terremoto viene notato da tutti con paura, molti fuggono all’aperto, alcuni hanno la sensazione d’instabilità. Liquidi si muovono fortemente; quadri, libri e cose simili cadono dalle pareti e dagli scaffali; porcellane si frantumano; suppellettili assai stabili, e perfino pezzi d’arredo vengono spostati se non rovesciati; piccole campane in cappelle e chiese, e orologi di campanili battono. Case isolate, solidamente costruite subiscono danni leggeri; spaccature all’intonaco, caduta del rinzaffo di soffitti e di pareti. Danni più forti, ma non ancora pericolosi, si hanno sugli edifici mal costruiti. Qualche tegola e pietra di camino cade.

VII Grado - Molto forte

Notevoli danni vengono provocati ad oggetti di arredamento anche di grande peso. Grandi campane rintoccano. Corsi d’acqua, stagni e laghi si agitano e s’intorbidiscono a causa della melma mossa. Qua e là, parte delle sponde di sabbia e ghiaia scivolano via. Varia la portata delle sorgenti. Danni moderati a numerosi edifici costruiti solidamente: piccole spaccature nei muri; caduta di toppe piuttosto grandi dell’incalcinatura e dello stucco, a volte anche di mattoni. Caduta generale di tegole. Molti fumaioli vengono lesi da incrinature. Camini già danneggiati si rovesciano sopra il tetto danneggiandolo. Da torri e costruzioni alte cadono decorazioni mal fissate. Quando la casa è a pareti intelaiate, i danni all’incalcinatura e all’intelaiatura sono più gravi. In casi isolati distruzione di case mal costruite oppure riattate.

VIII Grado - Rovinoso

Interi rami d’albero pendono rotti e perfino si staccano. Anche i mobili più pesanti vengono spostati lontano e a volte rovesciati. Statue, monumenti in chiese, in cimiteri e parchi pubblici, ruotano sul proprio piedistallo oppure si rovesciano. Solidi muri di cinta in pietra si rompono e crollano. Circa 1/4 delle case è gravemente leso, alcune crollano, molte diventano inabitabili; gran parte di queste cadono. Negli edifici intelaiati cade gran parte della tamponatura. Case in legno vengono schiacciate o rovesciate. Spesso campanili di chiese e di fabbriche con la loro caduta causano danni agli edifici vicini più di quanto non avrebbe fatto da solo il terremoto. In pendii e terreni acquitrinosi si formano crepe. In terreni bagnati si ha l’espulsione di sabbia e di melma.

IX Grado - Distruttivo

Circa la metà di case in pietra sono distrutte; molte crollano; la maggior parte diviene inabitabile. Case ad intelaiature sono divelte dalle proprie fondamenta e crollano; travi strappate a seconda delle circostanze contribuiscono alla rovina.

X Grado - Completamente distruttivo

Gravissima distruzione di circa 3/4 degli edifici, la maggior parte crolla. Perfino costruzioni solide di legno e ponti subiscono gravi lesioni, alcuni vengono distrutti. Argini e dighe ecc., chi più, chi meno, sono danneggiati notevolmente, binari leggermente piegati e tubature (gas, acqua e scarichi) vengono troncate, rotte e schiacciate. Nelle strade lastricate e asfaltate si formano crepe e per pressione sporgono larghe pieghe ondose. In terreni meno densi e più umidi si creano spaccature fino alla larghezza di più decimetri; si notano parallelamente ai corsi d’acqua spaccature che raggiungono larghezze fino a un metro. Non solo pezzi di terreno scivolano dai pendii, ma interi macigni rotolano a valle. Grossi massi si staccano dagli argini dei fiumi e da coste scoscese; riviere basse subiscono spostamenti di masse sabbiose e fangose, per cui il livello del terreno viene notevolmente variato. Le sorgenti subiscono frequenti cambiamenti di livello dell’acqua. Da fiumi, canali e laghi ecc. le acque vengono gettate contro le sponde.

XI Grado - Catastrofico

Crollo di tutti gli edifici in muratura, resistono soltanto le capanne di legno e le costruzioni ad incastro di grande elasticità. Anche i ponti più sicuri crollano a causa della caduta di pilastri in pietra o del cedimento di quelli in ferro. Binari si piegano fortemente e si spezzano. Tubature interrate vengono spaccate e rese irreparabili. Nel terreno si manifestano vari mutamenti di notevole estensione, a seconda della natura del suolo, si aprono grandi crepe e spaccature; soprattutto in terreni morbidi e acquitrinosi il dissesto è considerevole sia orizzontalmente che verticalmente. Ne segue il trabocco di sabbia e melma con diverse manifestazioni. Sono frequenti lo sfaldamento di terreni e la caduta di massi.

XII Grado - Grandemente catastrofico

Non regge alcuna opera dell’uomo. Lo sconvolgimento del paesaggio assume aspetti grandiosi. Corsi d’acqua sia superficiali che sotterranei subiscono mutamenti vari, si formano cascate, scompaiono laghi, fiumi deviano.

Scala macrosismica Europea (European Macroseismic Scale, EMS)

tradotta da: Grünthal, G. (1998). European Macroseismic Scale 1998 (EMS-98), Cahiers du Centre Européen de Géodynamique et de Séismologie Luxembourg, 15, 1–99.

Legenda


  • Effetti sulle persone.
  • Effetti sugli oggetti e l’ambiente.
  • Danni agli edifici.
Per il significato di classi di edifici e grado di danno clicca qui
I Grado - Non avvertito

  • Non avvertito, anche sotto le circostanze più favorevoli.
  • Nessun effetto.
  • Nessun danno.

II Grado - Poco avvertito

  • Il tremore è avvertito solo in particolari circostanze (<1%) da persone a riposo e in posizioni particolarmente ricettive all’interno.
  • Nessun effetto.
  • Nessun danno.

III Grado - Debole

  • Il terremoto è avvertito da poche persone. Persone a riposo avvertono una oscillazione o leggero tremore.
  • Oggetti appesi oscillano leggermente.
  • Nessun danno.

IV Grado - Ampiamente avvertito

  • All’interno è avvertito da molti, all’esterno solo da pochi. Poche persone vengono svegliate. Il livello di vibrazione non spaventa. La vibrazione è moderata. Osservatori avvertono un leggero tremore o oscillazione dell’edificio, stanza, letto, sedia ecc.
  • Oggetti in porcellana, bicchieri, finestre e porte tremano. Oggetti appesi dondolano. In alcuni casi la mobilia leggera trema visibilmente. In alcuni casi i manufatti in legno scricchiolano.
  • Nessun danno.

V Grado - Forte

  • All’interno è avvertito dalla maggior parte, all’esterno da pochi. Alcune persone sono spaventate e fuggono all’aperto. Molte persone che dormono si svegliano. Osservatori avvertono una forte scossa o un dondolio dell’intero edificio, stanza o mobilia.
  • Gli oggetti appesi oscillano considerevolmente. Porcellana e vetri tintinnano. Piccoli oggetti in equilibrio precario possono essere spostati o cadere. Porte e finestre si spalancano o sbattono. In alcuni casi i vetri delle finestre si rompono. Liquidi oscillano e potrebbero versarsi da contenitori ben riempiti. Gli animali in casa potrebbero agitarsi.
  • Danni di grado 1 ad alcuni edifici di classi di vulnerabilità A e B.

VI Grado - Leggermente dannoso

  • Avvertito dalla maggior parte delle persone all’interno e da molte all’esterno; alcuni perdono l’equilibrio, molti si spaventano e corrono all’esterno.
  • Piccoli oggetti stabili possono cadere e mobili muoversi. In pochi casi piatti e oggetti di vetro si rompono. Animali domestici potrebbero spaventarsi (anche all’esterno ).
  • Danni di grado 1 in molti edifici di classe  A e B; alcuni di classe A e B soffrono danni di grado 2; alcuni di classe C soffrono danni di grado 1.

VII Grado - Dannoso

  • La maggior parte delle persone è spaventata e fugge all’esterno. Molti non riescono a stare in piedi, specie ai piani alti.
  • I mobili si spostano e quelli poco stabili possono cadere. Molti oggetti cadono dagli scaffali. L’acqua fuoriesce da contenitori, cisterne e piscine.
  • Molti edifici di classe A subiscono danni di grado 3; alcuni di grado 4. Molti edifici di classe B subiscono danni di grado 2; alcuni di grado 3. Alcuni edifici di classe C subiscono danni di grado 2. Alcuni edifici di classe D subiscono danni di grado 1.

VIII Grado - Fortemente Dannoso

  • Molti non riescono a stare in piedi, persino all’aperto.
  • I mobili potrebbero rovesciarsi. Oggetti come televisori, macchine da scrivere ecc. cadono per terra. Lapidi potrebbero occasionalmente essere spostate, girate o capovolte. Possono apparire ondulazioni su terreni soffici.
  • Molti edifici di classe A subiscono danni di grado 4; alcuni di grado 5. Molti edifici di classe B subiscono danni di grado 3; alcuni di grado 4. Molti edifici di classe C subiscono danni di grado 2; alcuni di grado 3.  Pochi edifici di classe D subiscono danni di grado 2.

IX Grado - Distruttivo

  • Panico generale. Persone possono venire scaraventate a terra.
  • Molti monumenti e colonne cadono o si girano. Si osservano ondulazioni su terreni morbidi.
  • Molti edifici di classe A subiscono danni di grado 5. Molti edifici di classe B subiscono danni di grado 4; alcuni di grado 5. Molti edifici di classe C subiscono danni di grado 3; alcuni di grado 4.  Molti edifici di classe D subiscono danni di grado 2; alcuni di grado 3. Pochi edifici di classe E subiscono danni di grado 2.

X Grado - Molto Distruttivo

  • .
  • .
  • La maggior parte degli edifici di classe A subiscono danni di grado 5. Molti edifici di classe B subiscono danni di grado 5. Molti edifici di classe C subiscono danni di grado 4; alcuni di grado 5.  Molti edifici di classe D subiscono danni di grado 3; alcuni di grado 4. Molti edifici di classe E subiscono danni di grado 2; alcuni di grado 3. Alcuni edifici di classe F subiscono danni di grado 2.

XI Grado - Devastante

  • .
  • .
  • La maggior parte degli edifici di classe B subiscono danni di grado 5. La maggior parte degli edifici di classe C subiscono danni di grado 4; molti di grado 5. Molti edifici di classe D subiscono danni di grado 4; alcuni di grado 5. Molti edifici di classe E subiscono danni di grado 3; alcuni di grado 4. Molti edifici di classe F subiscono danni di grado 2; alcuni di grado 3.

XII Grado - Completamente Devastante

  • .
  • .
  • Tutti gli edifici di classe A, B, C vengono praticamente distrutti. La maggior parte degli edifici di classe D, E, F vengono distrutti. Gli effetti del terremoto hanno raggiunto i massimi risultati concepibili.